Il quantitative easing mette in difficoltà la finanza internazionale

In questo periodo di forte crisi economica gli istituti di credito si trovano in grande difficoltà. Il quantitative easing della banca centrale europea ha messo in grave difficoltà gli attori della finanza internazionale, in quanto i tassi di interesse hanno subito una rapida decrescita. Basti pensare che oggi i titoli di stato tedeschi con scadenza decennale offrono tassi negativi, quindi alla scadenza avranno eroso parte del capitale investito.

In un clima economico come questo dove i tassi negativi sono ormai un dato di fatto inevitabile, tutte le banche cercano di offrire le condizioni più favorevoli per un mutuo. Un recente rapporto ISTAT afferma infatti che i mutui nel nostro Paese hanno subito una vera e propria impennata, interamente dovuta a questa particolare congettura economica.

Oggi si possono trovare mutui a tasso variabile con un interesse sotto il punto percentuale. Praticamente alla banca viene corrisposta molto meno liquidità per il danaro prestato rispetto a pochissimi anni fa. Sicuramente chi volesse cambiare banca con mutuo in corso potrà trovare offerte molto vantaggiose e risparmiare ulteriormente prezioso denaro. Le pratiche burocratiche funzionali al trasferimento del mutuo sono interamente espletate dalla banca nella quale si vuole aprire la nuova posizione.

Il cliente non dovrà preoccuparsi di nulla, eccetto della negoziazione con l’intermediario delle nuove condizioni contrattuali. Quando si parla di contratti bancari non bisogna mai essere affrettati specialmente se l’oggetto degli stessi è costituito da un mutuo in itinere. E’ quindi necessario prendersi tutto il tempo necessario per chiarire efficacemente ogni clausola contrattuale. Gli intermediari della banche ai nostri giorni sono molto preparati in ambito giuridico ed economico, sapranno quindi chiarire ogni dubbio che dovesse insorgere sul dettato contrattuale. E’ buona prassi chiedere un supporto legale ad un professionista di fiducia per tutelare la propria posizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *